Mal di schiena e alimentazione

La strategia vincente : decontrarre e disinfiammare

Il mal di schiena è il disturbo più diffuso dopo il mal di testa. Riguarda circa 15 milioni di persone in Italia ed è la prima causa di assenteismo dal lavoro e la seconda di invalidità permanente.

Solo in casi rari il mal di schiena è causato da patologie gravi o da malattie che indirettamente provocano il dolore come il reflusso o i calcoli. Nella maggior parte dei casi è scatenato da tensione, posture scorrette (di giorno e/o di notte).

In questi casi l’alimentazione può essere davvero determinante, potendo migliorare o peggiorare la situazione.

Se la situazione non è seria e il medico è d’accordo, prima di iniziare a prendere antidolorifici o anti infiammatori, proviamo a correggere l’alimentazione per qualche giorno e vediamo se otteniamo dei benefici.

L’attenzione  all'alimentazione può essere anche affiancata da trattamenti quali fisioterapia.

Per chi invece decide di tentare strade alternative come massaggi , shiatsu, yoga, un’alimentazione naturale e di base vegetale, sarà di grande aiuto per velocizzare l’efficacia di questi trattamenti, perché le energie sottili si muovono meglio in un corpo alleggerito dal cibo animale.

Decontrarre e disinfiammare sono i due fattori chiave per qualsiasi tipo di dolore.

L’alimentazione, da questo punto vista, ha un grande impatto, perché può creare infiammazione e contrazione oppure il contrario. Attraverso l’alimentazione possiamo quindi scegliere cibi con effetto anti infiammatorio e rilassante.

La maggior parte dei dolori alla schiena traggono beneficio da trattamenti che rilassano i muscoli, sciogliendo le tensioni. Persino il dolore al nervo sciatico può migliorare rilassando i muscoli.

Il fatto che per questi dolori ci vengano prescritti degli anti infiammatori e a volte dei miorilassanti, ci dice che l’infiammazione e il rilassamento sono due cardini importanti su cui lavorare.

Se utilizziamo spesso cibi che infiammano e creano contrazione e tensione nel corpo, avremo sicuramente un peggioramento dei sintomi dolorosi. Vediamo quali cibi evitare o ridurre.

Cibi che creano tensione e irrigidiscono muscoli, tendini e articolazioni:

  • Salumi
  • Uova
  • Carni rosse e bianche
  • Prodotti da forno (pane, pizza, focacce, crackers, fette biscottate, biscotti, ecc.)
  • Eccesso di sale
  • Eccessivo consumo di gallette

Cibi che creano infiammazione:

  • Salumi
  • Carni rosse e bianche (il pesce in misura minore, se poi è azzurro ha grassi polinsaturi antinfiammatori)
  • Farine raffinate
  • Zuccheri raffinati
  • Caffè
  • Alcol
  • Bevande zuccherate
  • Solanacee (melanzane, pomodori, peperoni, patate)
  • Glutine (solo l’eccesso!)
  • Tutti i cibi acidificanti

Cibi che rilassano il corpo, alleviando la tensione muscolare:

  • Cereali sotto forma di chicco, integrali e semi integrali
  • Legumi
  • Verdure (soprattutto le verdure dolci come la zucca e la carota)
  • Alghe
  • Funghi 
  • Consistenze morbide e cremose

Cibi che riducono l’infiammazione:

  • Riso integrale
  • Verdure (soprattutto quelle a foglia verde scuro e cipolle)
  • Legumi
  • Alghe
  • Pesce azzurro (per via dei grassi polinsaturi)
  • Mirtilli e ribes
  • Zenzero fresco
  • Semi oleosi
  • Oli ricchi di omega 3
  • Tè verde
  • Tutti i cibi alcalinizzanti

Richiedi una consulenza nutrizionale con il nostro esperto in caso di dubbi sulla tua corretta alimentazione e una consulenza non terapeutica per il tuo mal di schiena : Viknature Olistica Spa CArpi  solo su appuntamento, info whatsapp 3428481315